Il giorno di San Patrizio [cultura]

Il 17 di marzo, come di consuetudine, è caduta la festività di San Patrizio patrono d’Irlanda. Cogliamo l’occasione per narrare brevemente la storia di questo santo. La Britannia, una volta abbandonata dai Romani intorno al V secolo d.C., fu soggetta a grandi devastazioni causate prima dalle invasioni dei Pitti dal nord, e poi degli Angli e dei Sassoni dal mare. La cultura latina e cristiana riuscì a sopravvivere grazie a figure come Patrizio.

La vita di Patrizio risulta movimentata sin dalla più tenera età: nato nel 385 in una famiglia britannica cristiana, fu rapito dai pirati non ancora sedicenne, portato in Irlanda e venduto come schiavo in Irlanda del Nord. Qui apprese il gaelico e familiarizzò con le pratiche dei druidi, sacerdoti che si ritenevano depositari della cultura celtica.

In un secondo momento, su incarico di papa Celestino, gli fu affidata l’evangelizzazione delle isole britanniche e iniziò il suo lavoro come missionario in terra d’Irlanda dove, nonostante le svariate difficoltà, organizzò e potenziò piccole comunità cristiane nella zona sud dell’isola, che non era mai stata toccata dalla civilizzazzione latina.

A lui quindi si deve la nascita del «cristianesimo celtico» ed è grazie alla figura di Patrizio che viene attuata una vera e propria commistione di elementi tipici della religione cristiana e elementi pagani: un esempio lo si potrebbe citare l’unione della croce solare (rappresentante i quattro elementi) con la croce latina, che va a costituire la cosiddetta croce celtica. A lui si devono inoltre le trattative con i druidi nel tentativo di affiancare le simbologie cristiane alla festa celtica di Beltaine, nelle quale, durante la notte tra il 30 aprile e il primo di maggio, si celebrava il ritorno dell’estate danzando intorno al fuoco mentre si recitavano rituali e preghiere propiziatorie.

Per quanto riguarda il punto di vista letterario, ci resta di lui molto poco: un’epistola nella quale egli tratta con un capo di pirati affinché liberi un gruppo di cristiani che aveva fatto prigionieri durante una scorreria; oppure abbiamo una confessio, nella quale egli risponde a tono ad alcune critiche che gli erano state mosse da un gruppo di chierici celti, che lo accusavano di essere inadatto all’attività missionaria a causa della scarsa cultura. Egli risponde all’accusa da una parte rivendicando la sua «rusticità», ma dall’altra giustificando la sua predicazione come frutto della chiamata divina.

Morì in circostanze poco note (c’è chi dice in Inghilterra, chi nel Galles) il 17 marzo del 461. La sua figura ha creato non poche suggestioni: una di queste vorrebbe che il Santo, per divulgare la dottrina della Trinità, si servì una foglia di trifoglio (tre foglie che si originano da un unico stelo): a seguito di quest’uso, il trifoglio sarebbe diventato il simbolo nazionale dell’Irlanda. Ancora oggigiorno numerose città, due su tutte Dublino e Boston, ogni 17 marzo si tingono di verde e i loro abitanti si riversano lungo le strade per celebrare il loro patrono attraverso parate e festeggiamenti di tutti i generi.

Questo particolare giorno viene anche citato in musica: un esempio che ci pare interessante è la canzone intitolata «Il giorno di San Patrizio» del gruppo di musica alternativa Antica Tradizione. Nella suddetta canzone affiora la figura di Bobby Sands, il ragazzo di Belfast che aderì al Provisional Irish Republican Army, gruppo paramilitare cattolico creato per proteggere la popolazione dai sempre più frequenti attacchi dei lealisti, primo tra tutti il Bloody Sunday, quel giorno in cui, durante una pacifica manifestazione cattolica a Derry, i paracadutisti inglesi aprirono il fuoco uccidendo tredici dimostranti. Sands morì tra le sbarre del carcere di Long Kesh dopo uno sciopero della fame durato 66 giorni. Un altro esempio musicale è quello dei Dropkick Murphys: il gruppo di Boston, molto legato alla tradizione irlandese, è solito esibirsi ogni anno in concerto nella propria città natale proprio nel giorno di San Patrizio.

Ludovico Van

« Nella croce ho confidato
la mia rabbia e la mia terra
ed affiderò il mio cuore
a questa maledetta guerra.
Che lo sappiano gli inglesi venderò cara la pelle:
mio fratello è Bobby Sands
e ora dorme tra le stelle! »
(Antica Tradizione, Il giorno di San Patrizio)

Annunci

Un commento su “Il giorno di San Patrizio [cultura]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...